Ne sono consapevoli scienziati e ricercatori che escono allo scoperto in questi anni e indicano in alcuni passi le possibilità di prendersi cura di sé stessi e ridurre il rischio di sviluppare un cancro.

“Una diagnosi di cancro su tre è la conseguenza di un’alimentazione squilibrata” spiega Michel Carruba direttore del centro studi e ricerche sull’obesità dell’università di Milano, in una intervista rilasciata e riportata sul sito della Fondazione Veronesi che spiega come sarebbero almeno 12 i tumori connessi all’obesità: cavo orale, colon-retto, mammella, pancreas, colecisti, fegato, ovaio, rene, esofago, prostata, cervice e corpo dell’utero”. 

Vediamo allora come proteggere il nostro corpo il più possibile, inserendo nel carrello ideale i prodotti che, nella fattispecie, fanno bene al nostro organismo e aiutano a tenere lontani il più possibile il brutto male. Più in generale gli esperti sono concordi nell’affermare che un’alimentazione ricca di grassi e proteine animali sia più rischiosa rispetto, naturalmente, ad un’alimentazione che predilige fibre e vitamine contenute nelle verdure, nella frutta e nel pesce. Allora vivamente consigliati sono prodotti quali i legumi, i cereali integrali, il pomodoro ricco di licopene, elemento importantissimo nella lotta la tumore, ma anche i broccoli e cavoli che se consumati almeno cinque volte la settimana aiuterebbero notevolmente a diminuire le probabilità, tra gli altri, di un tumore al seno, alla prostata o alla vescica. A go-go anche gli agrumi, limoni, arance e pompelmi, che contengono sostanze in grado di eliminare agenti cancerogeni. Inutile, per restare in tema, sottolineare il ruolo della vitamina C, della vitamina E, dello zinco e del selenio che aiutano a combattere i radicali liberi responsabili di danni al nostro organismo. Per chi li predilige fanno bene anche i funghi, per i più coraggiosi e gli amanti di cibi esotici gli esperti consigliano l’avocado, potente contro i radicali liberi, e le alghe, ricche di minerali, vitamine e sostanze in grado, pare, di combattere l’insorgere dei tumori e in particolare del tumore al seno. L’idea non piacerà forse ai partner, ma tra i cibi che si consigliano figura anche l’aglio, potentissimo per tenere sotto controllo la pressione e altresì per proteggere lo stomaco e l’organismo da agenti che causano il brutto male.

A conferma di quanto il cibo giochi un ruolo importantissimo al fine della prevenzione non si può non menzionare il metodo Di Bella che sul tema è ancora più audace e per la cura dei tumori si basa proprio sulle proprietà contenute nei vari alimenti. Indispensabile, ad esempio, la somministrazione dell’acido retinoico contenuto abbondantemente nelle carote, altro alimento che gli esperti consigliano di consumare regolarmente. 

Naturalmente la maglia nera va ai cibi grassi, alle bevande zuccherate, all’alcol. La carne rossa e i latticini sono bordeline poiché è consigliato assumerli in quantità moderate. Anche la cottura dei prodotti deve seguire delle regole precise, evitando ad esempio di produrre bruciature che sono considerate tossiche. 

Insomma in natura sono presenti tutta una serie di prodotti che sono importantissimi alleati per combattere una battaglia che parte dalla prevenzione: sarebbe un peccato sprecare questi doni.

FONTE ARTICOLO: Gloria Callarelli