Quotidiani

Il Sole 24 Ore, Il Corriere della Sera e i diversi inserti regionali, rappresentano il palcoscenico ideale e la miglior vetrina cartacea per un’impresa. Il quotidiano rappresenta uno strumento di analisi approfondita dei fatti e dei temi della politica, dell’economia, della normativa e dei mercati finanziari italiani e internazionali, nonché un punto di riferimento per professionisti e famiglie.

I quotidiani Il Sole 24 Ore e Il Corriere della Sera rappresentano i quotidiani con maggior diffusione nazionale sia per numero di copie sia per fruizione digitale. (Dati Ads gennaio 2018).

Gli inserti Regionali, rappresentano importanti approfondimenti che fotografano i temi cruciali del territorio mettendo in luce le prospettive del sistema produttivo osservando le virtuose sinergie messe in campo da persone, imprese, enti e pubbliche amministrazioni.

WelfareCare e i progetti finanziati, nei loro contenuti, nei loro stadi di avanzamento, per i loro effetti, per le risorse utilizzate, saranno pubblicizzati almeno una volta al mese con una intera pagina nel Il Sole 24 Ore – Eventi Speciali o Il Corriere della Sera – inserti Regionali. Lo stile della comunicazione è volta a dare il massimo rilievo ai loghi delle aziende aderenti e a enfatizzare il loro contributo sociale, il loro coinvolgimento diretto, il loro impegno nel tempo. Obiettivo della comunicazione è abbinare l’immagine dell’azienda aderente ai benefici e agli effetti sociali generati dal progetto e veicolare il favorevole consenso a favore del ruolo sociale delle aziende sostenitrici in qualità di soggetti impegnati nel sociale.

Allo scopo di amplificare l’immagine dell’azienda aderente, l’impianto grafico prevede sempre la presenza di un articolo publiredazionale di un quarto di pagina dedicato su Il Sole 24 Ore e/o Il Corriere della Sera inserito in un’intera pagina dedicata ai progetti finanziati da WelfareCare.

Oltre al vantaggio derivante dalla veicolazione del proprio logo, presente in tutte le uscite, l’azienda avrà l’opportunità di raccontare se stessa e accendere un importante riflettore mediatico sulla propria presenza all’interno del progetto “Fondazione Sanità”.